COME STIMOLARE I BAMBINI E LE BAMBINE A MUOVERSI? IL BUON ESEMPIO DEI GENITORI È FONDAMENTALE

Il processo imitativo, tipico dell’età evolutiva, porta i bambini ad osservare ciò che fanno i genitori e a riprodurlo. Il famoso psicologo canadese Alfred Bandura intorno agli anni ’60 ha adoperato il termine modellamento (modeling) per identificare un processo di apprendimento (teoria dell’apprendimento sociale) che si attiva quando il comportamento di un individuo che osserva si modifica in funzione del comportamento di un altro individuo che ha la funzione di modello.

Tale processo si verifica ogni giorno e assume particolare importanza nell’infanzia. Grazie a questa teoria possiamo capire perché i bambini fanno ciò che vedono e non ciò che viene detto loro di fare.

E allora, come si possono motivare i bambini e le bambine alla pratica sportiva e al movimento? Il ruolo dei genitori è fondamentale: i bambini apprendono dalle azioni che osservano.

Ricordatevi anche che non è necessario essere dei grandi atleti, né praticare sport per periodi di tempo estremamente lunghi o sottoporsi a chissà quale sforzo per “modellare” il comportamento dei più piccoli; per garantire e promuovere il movimento nella vita quotidiana dei nostri bambini, è fondamentale insegnare loro delle buone pratiche giornaliere.

Di seguito alcuni consigli pratici:

  • Abituate i vostri figli a muoversi fin da piccoli: diventerà per loro uno stile di vita quotidiano e una sana abitudine da riprodurre per crescere bene.
  • Mostratevi attivi, energici e utilizzate il vostro tempo libero per praticare giochi di movimento o sport insieme a loro.
  • Fate conoscere loro diversi modi di muoversi, stimolando la loro curiosità e aiutandoli a sfruttare al meglio le tante energie che possiedono in questa fase della vita.
  • Permettete ai bambini di fare l’attività motoria che più preferiscono: una cosa fatta con piacere aumenta la motivazione, il divertimento e la costanza con cui viene praticata.

Tutta la famiglia trarrà beneficio dall’esercizio fisico e dal tempo trascorso insieme!

Che aspettate? Progettate per questo weekend (si spera di sole) una girata in bicicletta o una passeggiata all’aria aperta.

Buon divertimento!

Come si può migliorare la fiducia nelle proprie capacità?

 

L’autoefficacia è un concetto psicologico elaborato da Albert Bandura (1997), psicologo canadese, teorico dell’apprendimento sociale.

Secondo questo autore, l’autoefficacia fa riferimento a quell’insieme di convinzioni che guidano il nostro comportamento e grazie alle quali ci sentiamo in grado di affrontare situazioni e problemi specifici, prevedendo una sequenza di azioni che portano al conseguimento di determinati risultati.

L’ autoefficacia è un concetto che spesso viene associato a quello di autostima: in realtà non sono sinonimi.  L’autostima è un giudizio di valore su come si è, ed è indipendente dal proprio comportamento. Per riassumere potremmo definirla il “saper essere”. Invece, l’autoefficacia è la consapevolezza che abbiamo delle nostre competenze in uno o più settori, in sintesi il saper fare. Facciamo un esempio per maggiore chiarezza: quando la percezione di autoefficacia è bassa, pertanto sento di essere inefficace, non per questo la mia autostima crolla.

In ambito sportivo, la percezione di autoefficacia ha un ruolo determinate sulla prestazione, sia in fase di allenamento che di gara.

Come si lavora per migliorare la fiducia nelle proprie capacità?

In primo luogo è importante sottolineare che, le credenze di efficacia, tanto preziose per il successo e il benessere dell’atleta, non corrispondono a convinzioni stabili e immutabili, ma possono cambiare ed essere allenate con opportune metodologie e tecniche di potenziamento.

Inoltre, la fiducia in se stessi, per tutti gli atleti (anche di alto livello) ha sempre dei momenti più alti e dei momenti più bassi ma non è mai o tutto o niente. E ‘uno stato d’animo che oscilla, quindi non vi abbattete se la vostra autoefficacia, in un certo momento, è bassa. Basta concentrarsi sul proprio miglioramento, e la vostra fiducia farà altrettanto.

Di seguito alcuni consigli:

  • CONCENTRATEVI SU VOI STESSI

Invece di pensare a ciò che stanno facendo i vostri avversari o i vostri compagni di squadra, concentratevi esclusivamente sulla vostra prestazione e su come migliorarla. Quando ci si concentra su di noi, su come possiamo migliorare il nostro rendimento in campo, si diventa più fiduciosi perché ci si focalizza su qualcosa di cui si ha il controllo.

 

  • CONCENTRATEVI SULLA PRESTAZIONE, NON SUI RISULTATI

In linea con quanto scritto sopra, concentrarsi sulla prestazione aumenta il nostro senso di controllo della stessa, diversamente da quanto accade se ci focalizziamo sui risultati. Facciamo un esempio: se io faccio la mia miglior prestazione in assoluto ma se l’avversario è più forte, il risultato sarà negativo. Se siete concentrati sulla prestazione, rimarrete magari delusi dopo una sconfitta, ma la vostra autoefficacia rimarrà alta, perché saprete di aver dato il vostro meglio.

  • FOCALIZZATEVI SUL QUI ED ORA

Quando si ha un successo in partita ma anche nel quotidiano, in allenamento, la vostra autoefficacia aumenta. Se la vostra fiducia in voi stessi aumenta di una piccola quantità ogni giorno, provate a pensare a come sarà il vostro livello fra un mese!

 

  • NON FOCALIZZATEVI SOLO SUGLI ERRORI
    Imparare dagli errori è importante, ma rimuginare su di essi non è produttivo in termini di autoefficacia. Concentratevi sulla prestazione e su come poter dare il vostro meglio, senza focalizzarvi eccessivamente sugli errori: questo, aumenterà la fiducia in voi stessi.

 

  • PENSATE POSITIVO

Puntate sulle vostre risorse: in modo da non evitare i problemi ma da fronteggiarli in maniera costruttiva, guardando al futuro con fiducia e produttività.
Buon lavoro!

Dimagrire è anche una questione di testa

Le feste sono da poco finite e come da programma, molte persone si adoperano per il raggiungimento dei buoni propositi per l’anno nuovo: primo tra tutti, quello di perdere peso.

Cosa succede a livello mentale quando si decide di intraprendere una dieta? Quali sono le possibili insidie?

Intanto partiamo da questo dato di fatto: volente o nolente, il rapporto con il cibo si modifica; alcuni cibi, come cioccolata, patatine, dolci e pizza, non si configurano più come alimenti, ma diventano dei potenziali nemici da allontanare che innescano una condizione di allerta permanente. Inizia così una battaglia finalizzata a difendersi dal desiderio di alcuni cibi. Pensieri come “Non devo mangiare dolci” oppure “Non posso mangiare cioccolata” potrebbero essere molto pericolosi in quanto parlare in negativo al cervello è controproducente poiché direziona l’attenzione proprio su ciò che si vuole evitare.

Stare a dieta, non deve diventare una lotta contro se stessi né tantomeno, una lotta contro la propria forza di volontà: il dimagrimento non può e non deve diventare l’unico obiettivo della propria vita.

Affinché una dieta sia davvero efficace, occorre anche lavorare sulla consapevolezza del proprio mondo interno, sulla consapevolezza dei propri punti di forza e di debolezza, dei propri bisogni ma anche dei pensieri e delle emozioni che sottendono il nostro comportamento alimentare.

Troppe volte il cibo finisce per trasformarsi in una sorta di anestetico con cui si cerca di eliminare la sofferenza o l’insoddisfazione, una scorciatoia con cui si tenta di riempire il senso di vuoto.

Dimagrire non è solo una questione di quanti chili si perdono, quante calorie dobbiamo assumere giornalmente, ma si tratta piuttosto di una trasformazione che coinvolge interamente una persona perché ha a che fare sia col corpo che con la mente che sono in continua connessione. E forse più che parlare di dieta, sarebbe utile parlare di “stile di vita” che non va quindi seguito per un breve periodo ma il più a lungo possibile: una scelta di benessere che ha un inizio e non una fine perché il significato è prendersi cura di se stessi e questo dovrebbe durare tutta la vita.

Ecco che il lavoro dello psicologo diventa fondamentale: un valido aiuto per preparare o accompagnare la persona durante questo percorso, individuando e gestendo i possibili ostacoli e  per ottenere e mantenere risultati ottimali nel tempo.

 

Eleonora Ceccarelli Psicologa - Blue Whale

C’era una volta il Blue Whale

Eleonora Ceccarelli Psicologa - Gli adolescenti e la comunicazione ai tempi di internet... Riflessioni tra i banchi di scuola

Gli adolescenti e la comunicazione ai tempi di internet… Riflessioni tra i banchi di scuola

Eleonora Ceccarelli Psicologa - Famiglia e Sport

Famiglia e Sport

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi